Chiesa di San Nicolò dei Greci

Le due tele oggi visibili all’interno della Chiesa di San Nicolò dei Greci furono commissionate al pittore dall'importante comunità greco-orientale di Trieste per ornare le pareti laterali del loro edificio deputato alle funzioni religiose, situato sulle Rive cittadine.

 

San Giovanni Battista predica nel deserto - 1852
Cristo chiama a sé i fanciulli - 1854
Chiesa di San Nicolò dei Greci, Trieste

2 cesare

1 cesare

Eseguite in studio a Bruxelles, rispettivamente nel 1852 e nel 1854, rappresentano la prima richiesta artistica giunta da Trieste al giovane Cesare e furono accolte con molto entusiasmo dai destinatari. L’essenziale simmetria dell’impianto compositivo sottolinea il nucleo narrativo dei dipinti, concentrando l’interesse dello spettatore sui protagonisti degli episodi: da una parte San Giovanni Battista nell'impeto della predicazione, dall'altra Cristo che invita i fedeli ad affidargli i figli.
Rifiutando l'artista il compenso per il lavoro svolto, in segno di riconoscenza gli fu offerta una coppa d'argento espressamente eseguita dall'orafo triestino Janesich. Queste tele rappresentarono dunque l’emblematico esordio di una fortunata carriera: Dell'Acqua si accreditava quale attento pittore di storia suscitando l’interesse dei più importanti committenti in ambito cittadino.